BONIFICHE IMPIANTI AERAULICI Interventi in ambienti ad alto rischio come sale operatorie, laboratori di raffinerie, cabine di yacht e navi.

La problematica della qualità dell'aria negli ambienti indoor non riguarda solo gli ambienti di lavoro ma anche gli ospedali, gli alberghi, i supermercati, le abitazioni, i luoghi di svago, le navi, ecc. L'inquinamento può dipendere da molti fattori come per esempio l'ubicazione dell'immobile, l'attività svolta, i materiali impiegati per la costruzione e l'arredamento e la qualità dei sistemi di ventilazione o riciclo dell‘aria.

Esistono fondati sospetti che siano maggiori i rischi sanitari associabili all’inquinamento proveniente dall'interno, rispetto all’inquinamento emesso all'esterno di un edificio.

Si inizia così a parlare di "Sindrome dell’Edificio Malato" la cui causa principale sono impianti di ventilazione mal funzionanti e portatori di batteri, gas nocivi, funghi ed altro materiale inquinante.

Il controllo sistematico della qualità dell’aria e una manutenzione accurata degli impianti è quindi determinante per gestire l’intera problematica.

PRINCIPALI INTERVENTI NEL SETTORE

  • Pulizia e decontaminazione degli impianti di ventilazione e condizionamento dell’aria ai sensi della L.R. 24/02 e successive integrazioni.
  • Campionamento ed analisi del grado di contaminazione degli impianti aeraulici in qualsiasi ambiente.
  • Videoispezioni di condotte e tubazioni degli impianti aeraulici.
  • Pulizia di cappe di aspirazione di cucine e mense.

 

LA BONIFICA DI UN IMPIANTO AERAULICO SI SVOLGE IN 3 FASI:

  • SOPRALLUOGO PRELIMINARE
    In questa fase si procede all’analisi e alla valutazione dello stato del sistema di trattamento dell’aria e dell’interno delle condotte e si effettua una verifica iniziale del particolato e dello stato di contaminazione batterica e micotica.
  • INTERVENTO OPERATIVO
    In questa fase prettamente operativa si effettua la depurazione dell’aria delle condotte tramite appositi filtri che trattengono il particolato uccidendo batteri e virus e si procede alla pulizia delle condotte dell’unità di trattamento dell’aria.
  • VERIFICA FINALE
    Nella fase di verifica finale si effettua un’ispezione delle condizioni interne delle condotte e si verificano i valori di contaminazione batterica e micotica del particolato dopo il trattamento. l’analisi di contaminazione batterica applicabile anche alle unità di trattamento aria permette di escludere anche la Legionella pneumophila.

Al termine dei lavori la società rilascia un rapporto tecnico comprensivo di videoregistrazione.

ATTREZZATURE TECNICHE SPECIALI PIÙ SIGNIFICATIVE

  • Telecamere per videoispezioni anche robotizzate.
  • Campionatori per la verifica della contaminazione batterica o micotica.
  • Estrattori d’aria.
  • Robot con spazzole pulenti.
  • Testine rotanti a getto d’aria.
  • Testine rotanti per igienizzazione.
  • Aspiratori per polveri e liquidi.